Omogeneizzati fatti in casa: preparazione e conservazione
ott 01, 2019 Fai da te 0 Commenti

Vuoi garantire ai tuoi bambini uno svezzamento con prodotti biologici e di qualità? Ecco alcuni consigli sulla preparazione e conservazione dei migliori omogeneizzati fatti in casa.

Omogeneizzati di frutta, carne o verdura: occhio alla qualità e alla conservazione

Crescere un figlio significa porsi continue domande su cosa sia meglio per lui. In particolar modo, nei primi mesi, finito l’allattamento, arriva il dilemma dello svezzamento: quali sono gli alimenti migliori per farlo crescere sano e forte? Riusciamo a garantirgli prodotti di qualità ?

Gli omogeneizzati , nonostante le diverse linee di pensiero, restano al primo posto tra i prodotti scelti dalle mamme e consigliati dai pediatri per lo svezzamento dei bambini. Spesso però, i prodotti migliori sono anche costosi e i genitori vanno alla ricerca di alternative salutari ed economiche.

Un buon modo per risparmiare e controllare la qualità degli alimenti è quello di cimentarsi nella preparazione di omogeneizzati fatti in casa.

  

Quali prodotti scegliere?

Che si tratti di omogeneizzati di frutta , carne o verdura , la regola fondamentale è scegliere prodotti biologici, non trattati con sostanze chimiche. È inoltre consigliabile scegliere alimenti di stagione, ancor meglio se acquistati da piccoli coltivatori di fiducia, se ne avete la possibilità.

I consigli degli esperti

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute consigliano di iniziare lo svezzamento intorno ai sei mesi di vita, anche se, qualora il pediatra lo ritenesse opportuno, in base all’andamento della crescita, il periodo può essere anticipato anche ai quattro o i cinque mesi. Solitamente si comincia con la frutta, in particolare mela e pera, per poi passare al semolino e al riso e infine ai cereali con glutine. I cereali, così come gli omogeneizzati di carne (inizialmente pollo, tacchino e coniglio perché meno allergizzanti), sono sempre preparati con brodo vegetale. Gradualmente si inseriscono altri alimenti come pesce, legumi e formaggi.

I pediatri raccomandano: attenzione al sale e allo zucchero!

Aggiungere sale e zucchero alle pappe dei bambini è inutile e soprattutto dannoso.

Preparazione degli omogeneizzati fatti in casa

Omogeneizzato di frutta

Omogeneizzati di frutta

Per preparare l’omogeneizzato di frutta, i frutti da utilizzare inizialmente sono mela e pera. Una volta lavati, sbucciati e privati del torsolo, vanno tagliati in piccoli pezzi e cotti a vapore per circa 10 minuti. Una volta ammorbiditi, vanno frullati con un mixer o un frullatore e la merenda di frutta è servita.

Omogeneizzato di verdure

Come abbiamo già detto, la base per gli omogeneizzati di carne, verdure e pesce è il brodo vegetale che, ovviamente, ci servirà per la preparazione dell’omogeneizzato di verdure. Preparatelo facendo bollire in un litro d’acqua le verdure di stagione (per esempio una carota, una patata, una zucchina, zucca, bietola, ecc…) senza aggiungere sale né dado. Una volta cotte, passatele, usando un frullatore o un passaverdure e aggiungete, poco alla volta, il brodo per amalgamare e un filo di olio extravergine di oliva.

Omogeneizzato di carne

Una volta preparato il brodo, potrete passare alla preparazione dell’omogeneizzato di carne. Fate cuocere la carne (possibilmente a vapore per farle conservare tutte le proprietà nutritive) fino a farla diventare morbida. A cottura ultimata, mettete la carne nel mixer e frullate, aggiungendo il brodo e l’olio d’oliva, fino ad ottenere una crema. Versate l’omogeneizzato ottenuto in un barattolino di vetro a chiusura ermetica e servitelo a pranzo o a cena.

Omogeneizzato di pesce

Per la preparazione dell’omogeneizzato di pesce, il procedimento è uguale a quello fatto per la carne. È preferibile scegliere merluzzi, naselli e sogliole e inserire altre varianti in base ai suggerimenti del pediatra.

Conservazione degli omogeneizzati fatti in casa

Barattoli in vetro per omogeneizzati

Gli omogeneizzati possono essere conservati in barattolini di vetro con la chiusura ermetica.
Gli omogeneizzati conservati in frigorifero devono essere consumati entro 24 ore dalla preparazione, mentre possono essere conservati in freezer fino a sei mesi. È consigliabile, per la conservazione in freezer, attaccare una piccola etichetta adesiva al barattolo, con la descrizione del contenuto e la data di preparazione.

 

 

Buona preparazione a tutti i genitori!

Commenti

Accedi o registrati per inserire commenti